Tartaruga con ferita infetta da morso di ratto

SPECIE: Tartaruga
RAZZA: testuggine di Herman (Testudo hermanni boettgeri)
SESSO: femmina
ETA’: 20 anni

Caso clinico:
La testuggine viene portata in visita in emergenza in seguito ad aggressione in giardino da parte di roditori (ratti) durante il letargo.  
Durante la visita clinica si evidenzia una ferita di 2 cm di diametro, a livello peri-cloacale, con perdita di tessuto cutaneo, necrosi dei tessuti circostanti e contaminazione da feci e terra.  

Terapia:
La tartaruga veniva ospedalizzata e sottoposta a pulizia chirurgica della ferita in anestesia locale.
La terapia medica veniva effettuata con antibiotici e reidratazione per via sistemica. 
Si iniziava la Laserterapia MLS® con il programma «Ferita contaminata».

La Laserterapia MLS® veniva eseguita una volta al giorno utilizzando il programma «Ferita contaminata», un punto, mantenendo il manipolo a mezzo centimetro dalla lesione per 40 secondi. La ferita veniva pulita e disinfettata ogni 12 ore e veniva applicata una pomata antibiotica.
Il paziente è rimasto ospedalizzato in incubatrice a 28°C e la terapia è stata effettuata per 20 giorni consecutivi. Al settimo giorno di terapia iniziava ad alimentarsi autonomamente.

Conclusione:
Le terapie topiche e la Laserterapia MLS® è continuata fino alla completa cicatrizzazione, avvenuta dopo 35 giorni di cure.
L’utilizzo combinato della terapia tradizionale con la Laserterapia MLS® ha permesso di risolvere in maniera efficace e rapida la situazione.

Per gentile concessione del Dott. Giordano Nardini, DECZM (Herpetology), Clinica Veterinaria Modena Sud - Modena, Italia